MUSICOTERAPIA, CHE COS'È IN REALTÀ?

 

 

La musicoterapia è l'uso mirato della musica all'interno del rapporto terapeutico per ripristinare, mantenere e promuovere la salute mentale, fisica e spirituale. 

La musicoterapia è una disciplina scientifica orientata alla pratica, strettamente connessa con vari campi scientifici, in particolare con la medicina, le scienze sociali, la psicologia, la musicologia e la pedagogia. 

Il termine "musicoterapia" è un termine riassuntivo per vari concetti di musicoterapia, che possono essere caratterizzati come psicoterapeutici in natura, distinti dalla terapia farmacologica e dalla terapia fisica. 

I metodi di musicoterapia seguono approcci altrettanto profondamente psicologici, comportamentali-terapeutici-teorici, sistemici, antroposofici e olistici-umanistici. 

(Fonte: Tesi di Kassel)

La degenza in ospedale porta spesso con sé un'importante pausa nella vita di una persona. Interventi dolorosi, effetti collaterali di alcune terapie, l'elaborazione di una diagnosi o anche i sintomi della malattia stessa possono significare uno shock mentale per chi ne è affetto oltre allo sforzo fisico. E spesso ci mancano le parole per esprimere i sentimenti e per parlare dei processi interiori. Fate progressi con la musica! Perché la musicoterapia fornisce nuovi impulsi terapeutici attraverso esperienze musicali.

Benessere attraverso la musicoterapia

La musicoterapia può accompagnarvi in questo senso e offrirvi l'opportunità di ritrovare la sensibilità e la fiducia in voi stessi con un corpo che ora potrebbe essere compromesso. Si concentra sul vostro benessere emotivo, mentale e spirituale da un lato e sulla formazione speciale nel senso di riabilitazione dall'altro. Nelle seguenti indicazioni, la musicoterapia fornisce un contributo particolarmente positivo al miglioramento del vostro benessere:

Persone con

  • malattie gravi e croniche (ad esempio cancro, malattie polmonari)

  • dolori cronici (ad esempio mal di schiena, tensione, nevralgie, mal di testa, reumatismi)

  • malattie neurologiche (ad es. morbo di Parkinson, demenza, sclerosi multipla)

  • malattie mentali e stati di sofferenza (ad es. depressione, disturbi d'ansia, solitudine, disperazione)

  • che hanno problemi a rilassarsi, non riescono a discansare o hanno perso il contatto con se stessi (stress, richieste eccessive, sindrome da "burn-out", disturbi del sonno)

  • che sono alla fine della loro vita

Concentrarsi sui pazienti

La musicoterapia si concentra sempre sulle possibilità, le esigenze e le risorse disponibili del paziente. Fondamentalmente si distingue tra due metodi: la musicoterapia attiva e la musicoterapia ricettiva.

Musicoterapia attiva 

Nella musicoterapia attiva, gli strumenti vengono utilizzati per improvvisare liberamente insieme o per improvvisare su un determinato tema e/o per cantare insieme. Ciò significa che i pazienti stessi ("attivamente") partecipano al gioco e scelgono uno strumento che fa loro piacere da un'offerta speciale. Il musicoterapeuta sostiene il paziente nel suonare ed è particolarmente affascinato dall'improvvisazione congiunta, libera nel flusso e molto vicina ai sentimenti della persona. Si crea così un dialogo musicale in grado di esprimere stati emotivi in cui le parole hanno fallito da tempo. Allo stesso tempo, si crea un riflesso del proprio stato, dei propri sentimenti, che costituisce il punto di partenza per la trasformazione. Perché l'intuizione è il primo passo verso la guarigione. Non si tratta mai di una conquista musicale in senso convenzionale, non deve suonare bene o essere come una hit della Top 40. Tutto è musica, anche il respiro o il battito del cuore. Per una seduta di musicoterapia non è necessaria la conoscenza delle note o degli strumenti, ma solo la volontà di impegnarsi con la musica.  La riflessione successiva offre l'opportunità di tradurre l'evento musicale in parole e di mettere in relazione l'esperienza con la propria situazione di vita.

 

 

Musicoterapia ricettiva

Nella musicoterapia ricettiva, il fulcro dell'intervento terapeutico è l'ascolto consapevole e la percezione della musica. I pazienti stessi scelgono la musica o il terapista di solito suona musica dal vivo adattata alla situazione. Successivamente, le esperienze e le sensazioni si riflettono su di esse.

 

 

Nella musicoterapia, per esempio, suona con questi strumenti:

Pianoforte, flauti, chitarra, oud (liuto), monocordo, tamburo, sansula, lira, tamburi, sonagli, glockenspiel, suoneria da tavolo e anche la voce ha il suo posto. Anche il corpo stesso può diventare uno strumento attraverso la percussione del corpo. 

 

"Dove finisce la lingua, inizia la musica". (E.T.A. Hoffmann)

La citazione esprime molto bene l'impegno della musicoterapia: toccare e raggiungere il paziente musicalmente, motivarlo ad agire o reagire con l'aiuto della musica, o invitarlo a fare qualcosa insieme - l'intenzione di base è quella di fargli passare un momento piacevole. Non si sa a priori se si crea un dialogo musicale o un ascolto o un silenzio. Tutto avviene spontaneamente e soprattutto attraverso uno degli elementi essenziali della musicoterapia: l'improvvisazione.

 

Individualmente o insieme

La musicoterapia viene offerta come terapia individuale o di gruppo. Quando si accompagnano pazienti gravemente malati o in fin di vita, è possibile includere nella musicoterapia anche parenti o confidenti.

 

Rilassante o espressivo & dinamico

Se l'unità di terapia si svolge nella stanza, la musica suonerà in modo piuttosto morbido. L'esperienza ha dimostrato che l'ambiente clinico è principalmente volto a soddisfare il bisogno di relax. Nella sala di terapia o a casa del paziente c'è anche la possibilità di scegliere tra strumenti aggiuntivi, non tutti portabili nella stanza. In determinate circostanze, la terapia lì assume anche una qualità diversa (possibile soglia di inibizione in una stanza a due letti, vita quotidiana nel reparto) - in ogni caso, ci sono anche le possibilità spaziali per un gioco più espressivo o dinamico, che può anche essere combinato con il movimento, se necessario.

 

Obiettivi della musicoterapia

La musicoterapia può sostenervi, ad esempio

  • percepire e sentire il proprio corpo, le proprie sensazioni (di nuovo) meglio

  • Per poter esprimere le proprie esigenze

  • percepire stati di tensione - imparare a rilassarsi o a diventare più attivi

  • Risorse da scoprire

  • Essere un creatore

  • Per rafforzare la vostra autostima

  • per allenare la propria mobilità - ad esempio, il ritmo della camminata o l'"istinto sicuro" (ad esempio in caso di malattie neurologiche o reumatiche)

  • per allenare la memoria

  • per sperimentare la sicurezza e la connessione

  • semplicemente per dimenticare la routine quotidiana in ospedale

 

"Non sono per niente musicale..."

"Ma sono così poco musicale, non so suonare uno strumento e di certo non so cantare", questa frase si incontra spesso e può essere neutralizzata solo quando diventa chiaro ai pazienti che non c'è "giusto" o "sbagliato" nella musicoterapia. Per partecipare a una sessione di musicoterapia non sono necessari né un'educazione musicale né talenti speciali, è prevista una selezione di strumenti facili da suonare. Il prerequisito più importante è che la musica sia vissuta fondamentalmente come qualcosa di positivo e piacevole.

 

Citazioni di pazienti:

"È meraviglioso... finalmente posso pensare a qualcos'altro..." (paziente di 91 anni, musicoterapia ricettiva)

 "È stata un'esperienza totalmente nuova e positiva... è stato come se tutto avesse iniziato a vibrare". (Paziente donna di 54 anni, musicoterapia attiva)